Riflessioni.

“Finora un solaio che cede in un istituto superiore costruito da un decennio, scricchiolii in un plesso elementare con lieve sollevamento della pavimentazione, scale senza antiscivolo e corrimano, edifici senza uscite di sicurezza, edifici senza porte con maglione anti-panico, genitori che vanno a scuola a spostare mobili ed attaccare lavagne e cosa si dice agli studenti? “Tutto ruota intorno a voi?”. Carina la letterina di inizio anno, io pure mi sono commossa e sono certa che i genitori quando andranno a votare se ne ricorderanno. A partire da oggi dopo aver lasciato e salutato le mie figlie, oltre a fare il segno della croce, ringrazierò ogni giorno l’assessore per le belle parole, anche se forse non sa che gli edifici delle scuole dell’obbligo sono di proprietà del comune e se la scuola come istituzione funziona è perché ci sono maestre, presidi e personale che si danno da fare nonostante la superficialità di chi amministra.

#gentechevuolebeneadaprilia (ma non ai propri figli)”

Carmen Porcelli